La città di Perugia

Perugia sorge sul colle che domina la Val Tiberina. E’ una città ricca di storia che custodisce numerosi tesori artistici e monumentali testimonianza del suo ricco passato. Visitare Perugia passeggiando per le vie antiche del centro storico significa imbattersi in numerosi angoli suggestivi e pieni di fascino. I monumenti e le opere di epoca etrusca, romana, medievale, rinascimentale ci raccontano la sua storia.

I cinque rioni storici

Un qualunque cittadino della Perugia medievale veniva individuato come residente in una Porta o Rione e in una Parrocchia.
I Rioni erano dei vivaci centri di vita associativa con obblighi di difesa, sorveglianza e manutenzione. Un tessuto urbano fatto di case, palazzi nobiliari, vicoli, piazzette, chiese, arte e antiche tradizioni artigianali e commerciali.

Visitare PERUGIA : alla scoperta dei suoi rioni

Cosa vedere a Perugia? Di particolare interesse sono i cinque Rioni della città storica di Perugia. Ogni Rione prende il nome di una delle cinque principali porte della città.

PORTA SANT’ANGELO

Il nome del rione deriva dall’antico tempio di San Michele arcangelo, la chiesa più antica di Perugia. Il borgo si è sviluppato tra l’Arco Etrusco e il convento di Monteripido. Qui si trovano Palazzo Gallenga (in Piazza Fortebracci) ora sede dell’Università Italiana per Stranieri e il Convento e la Chiesa degli Olivetani.

PORTA SANTA SUSANNA

Detta anche Porta di Sant’Andrea, è una delle porte che permettevano l’accesso al centro storico della Città di Perugia. Qui è possibile visitare numerose Chiese lungo Via dei Priori, la Torre degli Sciri, l’Oratorio di S. Bernardino e il Palazzo degli Oddi Marini Clarelli.

PORTA SAN PIETRO

E’ il quartiere più antico di Perugia. I monumenti principali di questo borgo sono la Chiesa di S. Domenico i cui chiostri ospitano il Museo Archeologico Nazionale e l’Archivio di Stato, la Basilica di S. Pietro e il suo orto medievale.

PORTA SOLE

Costituiva il punto più alto di Perugia. In questo Rione è possibile trovare un gran numero di palazzi nobiliari, di cui uno ospita la Biblioteca Comunale Augusta.
Di particolare rilievo è la chiesa di San Severo.
Conserva al suo interno una delle opere più belle che il grande Raffaello Sanzio ha lasciato a Perugia: l’affresco della Trinità del 1505, completato successivamento dal Perugino.
Dalla scalinata di Via delle Prome, il punto più alto di tutta Perugia, è possibile godere del meraviglioso panorama sui Borghi Sant’Angelo e Sant’Antonio.

IL RIONE PORTA EBURNEA

Sin dall’antichità abbondava di giardini ed orti strutturati in grandi terrazzamenti digradanti verso il piano. La sua esposizione a Sud, molto ambita, lo fece diventare il luogo ideale per la costruzione delle case della nobiltà. I resti della Rocca Paolina rappresentano il monumento principale del rione, accanto alla porta etrusca della Mandorla.

Scalinata di Via delle Prome.


Cerchi offerte per dormire a Perugia?

Soggiorna nei migliori agriturismi di Perugia e dintorni.

TROVA AGRITURISMI A Perugia

Perugia cosa vedere in un giorno

Perugia: itinerario a piedi per visitare la città

Perugia, cosa vedere in un giorno? Se si giunge in automobile, si consiglia di lasciarla al parcheggio sotterraneo di piazzale Partigiani, e da qui prendere la scala mobile che in circa dieci minuti raggiunge il centro storico, passando per i resti della Rocca Paolina e sbucando in piazza Italia. Se da piazza Italia si imbocca corso Cavour, si raggiunge la chiesa di San Domenico, che nel convento annesso ospita il Museo Archeologico in cui sono esposti numerosi reperti di epoca etrusca e romana. Proseguendo verso sud lungo via Cavour, e superata la porta di San Pietro, si raggiunge uno degli edifici sacri più antichi della città, e cioè il monastero benedettino di San Pietro. Lasciando piazza Italia in direzione nord si imbocca Corso Vannucci, il principale della città, che sbuca in piazza IV Novembre, sulla quale si trovano i due monumenti più importanti di Perugia, il Palazzo dei Priori e la Fontana Maggiore, una delle più importanti fontane medievali rimaste.

Il palazzo , destinato ad ospitare le massime cariche cittadine, fu edificato a varie riprese tra il 1293 e il 1443, ed è uno degli edifici più imponenti del Medioevo italiano. All’interno ospita la Galleria Nazionale dell’Umbria, il più importante museo cittadino e regionale, ricco di opere del periodo tra il XIII e il XIX secolo. Piazza IV Novembre è chiusa a settentrione dal fianco sinistro del Duomo, la cui facciata dà su piazza Danti. L’edificio, dedicato a San Lorenzo, in un’ala del primo chiostro basilicale ospita il Museo Capitolare. Su piazza Danti si trova inoltre l’ingresso al Pozzo Etrusco, nel sottosuolo del palazzo Bourbon-Sorbello. Davanti all’Arco dei Priori, al di là del corso Vannucci, si apre via Fani che porta a piazza Matteotti. Qui si trova il Palazzo del Capitano del Popolo, sede della magistratura in epoca comunale. Sempre su piazza Matteotti si affaccia il Palazzo dell’Università vecchia destinato a sede universitaria da Sisto IV all’inizio del XVI secolo.

DANTE e la città di Perugia

Perugia, città d’arte, traboccante di storia, opere e monumenti di pregio è citata anche dal sommo poeta nel suo capolavoro, la Divina Commedia. Nel Rione Porta Sole è presente una targa di marmo con inciso il celebre verso del Canto XI del Paradiso. Il canto si svolge nel 4° cielo, quello del Sole, ove risiedono gli spiriti sapienti (i teologi e i filosofi) e luminosi che ballano, cantano e si dispongono in cerchio intorno a Beatrice e Dante. E’ dedicato a San Francesco, fondatore di uno tra i più importanti ordini monastici del medioevo. Dante offre una descrizione della vita del Santo (per bocca di S. Tommaso D’Aquino) precisando il luogo della sua nascita, le tappe fondamentali della sua biografia, lodando soprattutto la sua conversione e il “matrimonio” con “Madonna Povertà”.

Canto XI Paradiso:

Intra Tupino e l’acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo, fertile costa d’alto monte pende, onde Perugia sente freddo e caldo da Porta Sole; e di rietro le piange per grave giogo Nocera con Gualdo. Di questa costa, là dov’ella frange più sua rattezza, nacque al mondo un sole come fa questo talvolta di Gange..

Dante Alighieri, XI canto Paradiso

Cerchi offerte per dormire a Perugia?

Soggiorna nei migliori agriturismi di Perugia e dintorni.

TROVA AGRITURISMI A Perugia